Aldo Agroppi
 
 
uno dei pochi "quasi" livornesi